Echi dal Nord a Solomeo

dom 29 maggio, ore 17.30
Ultimo appuntamento della rassegna organistica Antiqua Vox con un concerto di Søren G. Hansen sul restaurato organo A. Rossi (1791) presso la Chiesa di San Bartolomeo
La rassegna organistica pensata dalla Fondazione Brunello e Federica Cucinelli per festeggiare la bella stagione giunge al termine e chiuderà domenica 29 maggio alle 17.30 con il concerto “Echi della Germania del Nord e dell’Italia”.
L’organista danese, partendo dai fondatori delle più importanti “scuole organistiche europee” tra Rina¬scimento e Barocco – Jan Pieterszoon Sweelinck (1562-1621) e Girolamo Frescobaldi (1583-1643) – proporrà al pubblico anche le musiche e lo stile compositivo dei loro allievi, grazie alle quali, ebbero grande influenza sullo sviluppo della musica per tastiera rispettivamente nel nord e nel sud dell’Europa. Sweelinck e Frescobaldi non ebbero modo di incontrarsi: il primo visse e lavorò gran parte della sua vita ad Amsterdam mentre Frescobaldi visse a Roma ri¬coprendo la carica di organista presso la Basilica di S.Pietro.

Nato in Danimarca nel 1967, Søren Gleerup Hansen ha intrapreso una vasta attività concertistica come solista in Danimarca e all’estero ed è molto attivo come musi¬cista da camera, suonando sia l’organo che il clavicembalo. È clavicembalista nel complesso barocco “Lachrimae” e “Violon Banden”. Ha registrato alcuni CD con musiche di Johannes Brahms, Vincent Lübeck, Dietrich Buxtehude, Johann Sebastian Bach e alcuni compositori danesi. Dal giugno del 1984 è impiegato come orga¬nista nella chiesa nazionale danese.
Ha lavorato presso la Capella del Castello e l’Accademia Militare del Castello di Frede¬riksberg, presso le Chiese di San Benedetto di Ringsted e dal 2010 presso la Chiesa di Santa Maria e la Capella Reale del castello di Kron¬borg in Elsinore.


L’ingresso è libero con obbligo di indossare la mascherina

Altre news

Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle novità e gli eventi del Teatro Cucinelli

Teatro Cucinelli

© 2021 Fondazione Brunello e Federica Cucinelli

© 2021 Fondazione Brunello e Federica Cucinelli