Handel in Italia

domenica 13 marzo 2022

Roberta Invernizzi soprano
Accademia Hermans
Fabio Ciofini direttore
Roberta Invernizzi soprano
Accademia Hermans
Fabio Ciofini direttore
G.F. Handel
Armida abbandonata HWV
105 Sonata per Violino e b.c. HWV 359a
Oh numi eterni! (La Lucrezia) HWV 145
Trio sonata per 2 Violini e b.c.
HWV 391
Tu fedel, tu costante HWV 171

Un ritratto musicale del giovanissimo Haendel, che nell’autunno del 1706 intraprende il primo dei suoi innumerevoli viaggi, muovendo da Amburgo verso l’Italia, tappa irrinunciabile per chi, come il “caro sassone”, volesse avere un contatto diretto con quei generi (l’opera e la cantata, innanzitutto, ma anche la musica strumentale e sacra) che avevano portato il Seicento musicale a “parlare italiano”.

Tra l’autunno del 1706 e il 1710, Haendel soggiorna nei maggiori centri musicali della penisola (Firenze, Napoli, Venezia, ma soprattutto Roma), venendo a contatto con l’opera dei maggiori compositori del tempo (Scarlatti e Corelli su tutti).

Altri spettacoli

Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle novità e gli eventi del Teatro Cucinelli

Teatro Cucinelli

© 2021 Fondazione Brunello e Federica Cucinelli

© 2021 Fondazione Brunello e Federica Cucinelli